Skip to content

Piazza de Leoni e fontana

Dall'eccezionale archivio fotografico Caponi, pubblichiamo una foto con primo piano sulla Fontana del Pampaloni in Piazza dei Leoni. Inutile sottolineare la bellezza di questa foto, e i particolari: la donna che si rifornisce di acqua alla fontana, e poi magari…

EMPOLI, DA IERI A OGGI

EMPOLI, DA IERI A OGGI Carissimi empolesi e non, Nel ringraziarvi nella collaborazione finora dimostrata, vorremmo illustrarvi un nostro progetto: vorremmo realizzare una raccolta multimediale di foto, filmati e documenti storici sulla nostra città e territorio di Empoli, onde fare…

Pontorme: Rilievo urbano e architettonico del Borgo, a cura di Prof. Marco Jaff

Estratto da una Ricerca ricevuta per cortesia dal Prof. Marco Jaff, Ordinario di Rilievo architettonico della Facoltà di Architettura di Firenze. Ricerca pubblicata su Firenze Architettura 2010 anno XIV

La storia recente delle due piccole città murate di San Donato in Poggio e di Pontorme può essere presa ad esempio dell’evoluzione di tanta parte del patrimonio edilizio storico minore della Toscana e non solo di essa. Un tempo, peraltro non molto lontano, erano proprio le mura della città, anche di quelle più piccole, soprattutto di quelle più piccole, che segnavano con chiarezza il confine tra il “rurale” e l’“urbano”.  Due universi separati e complementari che, insieme ad altri pochi segni naturali, come le coste del mare, le rive delle acque dolci, il limite delle nevi perenni e delle foreste, componevano l’intero paesaggio: uno scenario appena inciso da un reticolo di strade, via via più fitto e leggero, che collegava le città, i paesi e le varie attività agricole. Così per secoli.

PASQUINO di MATTEO da Montepulciano

Seguendo le piste aperte dal Giulas, siamo andati a cercare notizie di questo scultore quattrocentesco, al quale in alcuni testi si attribuisce l'esecuzione della Fonte battesimale in marmo, presente nel battistero a Empoli. Abbiamo anche trovato un suo lavoro eseguito…

Un’analisi e una proposta : la città ad anello. Di Vincenzo Mollica

Quando alcuni indicatori del territorio segnalano l'approssimarsi di uno stato di malattia  nel sistema centrale, è salutare che la città s'interroghi sulle soluzioni da adottare per evitare che la situazione si aggravi. Il dibattito avviato dall'Amministrazione, attraverso una straordinaria partecipazione…

Il progetto di restauro di Porta Pisana dell’architetto Ezio Cerpi, 1959

Abbiamo recuperato questo disegno, pubblicato nel Bullettino Storico Empolese Vol. I, anno 1959.

Fa parte di un progetto, che risale ai primi anni del ‘900, e che doveva servire a recuperare agli antichi splendori la nostra Porta Pisana, che negli anni era diventata molto diversa da quella originale, arrivando a diventare adibita ad usi abitativi, come si vede dalle foto di Pietro Caponi già pubblicate. Evidentemente il progetto rimase chiuso nei cassetti comunali e potrebbe servire, caso mai, proprio adesso, in vista di uno sperato restauro della antica e gloriosa Porta.

Empoli, Via Chiara 2002

Pubblico alcune foto della mia collezione. Scattate in Via Chiara nell'ann0 2002 quando ancora dovevano essere rifatta la pavimentazione stradale, allora costituita da uno strato di asfalto degradato e posto sopra l'antico lastricato in pietra serena. Inserisco anche una foto…

Torna su