Skip to content

Campeggi ad Empoli…

E' curioso vedere, tirando fuori una delle foto del Fondo Fotografico Pietro Caponi, che la forma delle tende nei secoli non sia cambiata poi di tanto. Non ci è nota per ora la nazionalità degli attendati sul Piaggione, nè il…

Claudio Biscarini: Cinema che passione!

Andare al cinema oggi, fatte salve alcune serate di proiezioni super pubblicizzate a livello internazionale, è diventato frustrante per chi, come me, ama e ha amato sempre lo spettacolo cinematografico. L'avvento del videoregistratore, prima, del DVD, dopo, e un certo…

Una nota bibliografica su Libertario Guerrini

Libertario Guerrini ha scritto alcuni volumi per me rivelatisi importanti e una traccia per svolgere ricerche cartografiche sul territorio empolese.

Si propone quindi alcuni testi per i quali invitiamo i lettori a prenderne cognizione, consigliato soprattutto per ricerche archivistiche.

Chiassetto dei Frati, fra Via del Papa e Via dei Neri

Servizio fotografico svolto andati avanti e indietro nel Chiassetto dei Frati, fra Via del Papa e Via dei Neri.

Di recente il Comune ne ha ripristinato il suo uso pubblico, a volte è stato anche adibito ad un caratteristico spazio espositivo per opere d’arte.
Pensate, nel Settecento l’edificio ove tale chiassetto era inserito era di proprietà Cav. Mainardi.

DSC03829

LA FOTOGALLERY:

Nevicata 01-02-2012

Nicoletta ci invia tre foto della nevicata 01/02/2012, direi una temeraria e avventuriera nella tormenta siberiana. Buon sangue non mente, vero Nicoletta ?

Via del Giglio, vista anni fa…

Altra foto scattata anni fa in Via del Giglio, siamo all’altezza dell’attuale banca san paolo, e sulla destra c’è l’edificio ove fino agli anni Ottanta c’era la Pasticceria Gaggioli e Vezzosi. Ovviamente anteriore alle distruzioni della Seconda Guerra Mondiale.

Il misterioso Arco di EmpoliVecchio

Questo arco rappresenta un mistero, anzi, presenta ancora oggi degli aspetti che necessitano ulteriori indagini di matrice archeologica. A prima vista un osservatore senz’altro dirà che è stato costruito basso per errore oppure che nel medioevo la statura media era veramente più bassa. In verità viene da pensare che tale arco in antico fosse più alto e che sotto vi transitavano persone senza dover chinare la testa, o magari considerata la non piccola luce dell’arco, vi transitassero anche carri con cavalli. Si torna allora al quesito di quale fosse la sua originale altezza, anzi, quale sia stata l’originale quota del piano di campagna.

Un gemellaggio con San Miniato…

Farà piacere ai nostri lettori questo gemellaggio, con la pagina Facebook curata dall'amico Francesco Fiumalbi e al sito corrispondente http://smartarc.blogspot.com/ Dopo secoli di "cane e gatto", come ha detto una volta il Lastraioli (articolo di prossima pubblicazione), i due popoli…

Torna su