L’idea e il ricordo – di Tommaso Mazzoni

L’idea E Il Ricordo – Di Tommaso Mazzoni
I ricordi vengono estratti dal nostro cervello sotto forma di immagine senza rivestimento. Spetta alla parola, quando non al nostro scritto, il compito di completarla. La nostra memoria può evocare tantissimi ricordi; la fantasia può creare immagini, reali o fittizie, che, chi parla, o scrive, riveste con l'arte della parola, con gli scritti, o con altre espressioni artistiche.

Complimenti al Dottor X – di Tommaso Mazzoni

Complimenti Al Dottor X – Di Tommaso Mazzoni
Vivissimi complimenti, Dottor X Spero di poter nuovamente assistere in futuro alle sue lezioni, sempre così dense di stimoli! Ed è proprio per questo che, per siffatti argomenti, man mano sollecitando in me le differenti corde, mi sento indotto - quasi come avviene in fisica - a risonare per simpatia.

Borbone, personaggio empolese – di Tommaso Mazzoni

Borbone, Personaggio Empolese – Di Tommaso Mazzoni
Borbone, vi dico subito, nel mio caso non ha niente a che vedere né con la Famiglia Borbone, né con i vari Borboni regnanti che conosciamo. Premesso questo, lasciate anche che cominci a trascrivervi, intanto, i pochi seguenti, sconosciuti versi, tuttavia abbastanza noti - almeno così capitava tempo addietro - ai miei coetanei empolesi. Poi cercherò di esser chiaro anche per voialtri amici non empolesi:

Confezioni di Empoli: la Brooklin – di Luciano Terreni

Confezioni Di Empoli: La Brooklin – Di Luciano Terreni

Ancora esistente e in attività, la Confezione Brooklin occupa una discreta porzione dell'isolato; ha mantenuto pressoché inalterati i prospetti rivestiti con pietre arenarie, tema frequente nella linguaggio architettonico dell'edilizia moderna postbellica toscana, con particolare riferimento nel Valdarno. Ubicazione: Empoli Via XI Febbraio, anno 1985 La foto, gentilmente…

Poi.. si fece il camion – di Roberto Taviani

Poi.. Si Fece Il Camion – Di Roberto Taviani
Nonno Gigi, una volta resosi esperto (?!) con l’auto, decise di farsi il camion. E poi babbo era diventato grande, il commercio andava bene e per il lavoro, barroccio e cavallo non bastavano più. Io questo camion, non l’ho mai visto, non ero ancora nato, era prima della guerra, in pieno ventennio.