Arno ingrossato 29-11-2012

Arno Ingrossato 29-11-2012

Alcune foto scattate lungo il fiume Arno, con livello idrico alto ma non elevato, e nel momento dello scatto (29-11-2012 ore 10.15) il livello si è già abbassato notevolmente, basta notare le tracce del livello raggiunto lungo gli argini. Tuttavia,…

Giuliano Lastraioli: Napoleone a Empoli

Giuliano Lastraioli: Napoleone A Empoli

In margine a un recentissimo saggio su “Erba d’Arno”

napoleon_crop

Si sa che Napoleone faceva risalire la sua personale nobiltà alle baionette del 18 Brumaio, ma non è finita ancora la stucchevole querelle sulla genealogia della famiglia Buonaparte di Ajaccio.

Ultimo esempio un ampio saggio di Paolo Benvenuto sul fascicolo 128-129  di Erba d’Arno  appena uscito in edicola, dove si parla “de omnibus rebus et quibusdam aliis”  senza risolvere alcun problema. Il tutto con forte sussiego professorale per concludere infine che l’ipotesi di una origine fucecchiese della imperial progenie è una bufala bella e buona.

Il chiavistello del Mangiadori…

Il Chiavistello Del Mangiadori…

L'ultima escursione samminiatese (finita in amicizia e con salame e formaggio di pecora), ha riportato alla ribalta il famoso chiavistello, oggetto di diatribe e litigi in passato fra noi empolesi e gli amici dell'alto colle. In effetti se ne era…

Appunti di storia lucchese per Empoli

Appunti Di Storia Lucchese Per Empoli

Riceviamo da Francesco Fiumalbi alcuni appunti di storia lucchese riguardanti in alcuni passi Empoli e San Miniato. Si tratta di alcune pagine estratte dal “Sommario della storia di Lucca dall’anno MIV all’anno MDCC” scritto da Tommasi Girolamo, Archivio Storico Italiano, Tomo…

Claudio Biscarini, il nuovo libro…

Il nuovo libro di Claudio Biscarini presente al Pisa Festival Book 2012, Palazzo dei Congressi, per le edizioni Effigi di Arcidosso stand n.132, dal 23-24-25 novembre prossimo, orario 10,00-20,00. Il libro è un'ampia disamina del passaggio del fronte nei territori…

Il cantiere del nuovo ponte ad Empoli/Spicchio…

Il Cantiere Del Nuovo Ponte Ad Empoli/Spicchio…

Non saprei dire al momento chi sia l'autore dei seguenti filmati girati dentro il cantiere del nuovo ponte tra Empoli e Spicchio. Resta indubbio però che i filmati sono molto interessanti, sia per gli aspetti meramente tecnici, ma anche per…

Carlo Pagliai: Il Giro d’Empoli, terra terra

Carlo Pagliai: Il Giro D’Empoli, Terra Terra

Forse oggi, 14 novembre 2012 attorno alle 15 qualche passante nel Giro d’Empoli avrà sicuramente pensato “a costui sarà caduto qualcosa per terra”. Non è cosi. Stavo facendo fotografie da un’inusuale punto d’osservazione, ovvero a meno di 10 cm dalla…

Paolo Santini: Un ponte d’autore per Empoli. Peccato che non lo sapesse. O lo avesse dimenticato

Paolo Santini: Un Ponte D’autore Per Empoli. Peccato Che Non Lo Sapesse. O Lo Avesse Dimenticato

Fino a poco tempo fa e per quasi sessant’anni Empoli ha avuto un ponte d’autore. E che autore! Ma viene da chiedersi se lo sapesse, Empoli, visto che nessuno in loco, – soltanto uno, il sindaco di Vinci Dario Parrini, in un’occasione pubblica accennò al grande autore – nemmeno negli ultimi mesi, ha celebrato questo grande ingegnere italiano, famoso per tante realizzazioni, ponti soprattutto, in giro per il Bel Paese  e per il mondo intero. Il ponte d’autore naturalmente era quello appena demolito, anzi “smontato”, fra Spicchio ed Empoli, e l’autore era Riccardo Morandi. Tanti ingegneri e tecnici a questo punto sobbalzeranno sulla sedia nell’udire il nome di uno dei mostri sacri delle costruzioni sopraelevate. Si, proprio lui, il genio del cemento armato precompresso, con sette brevetti sulla precompressione che portano il suo nome, citato in tutti i testi dell’ingegneria contemporanea. Morandi nel 1949 aveva progettato un ponte a travata sull’Elsa, in località Canneto – era l’estate del 1950 quando il ponte, che misurava 40 metri di luce, con conci di 1 metro e 16 cavi, costruito dall’impresa Fratelli Giovannetti, fu inaugurato – e poi, nel 1952 il ponte principale della cittadina empolese, un ponte a tre travate semplicemente appoggiate ciascuna di 32 metri di luce. L’inaugurazione della struttura avvenne nel 1954. Il ponte, ricordava Morandi, è insieme la conquista dello spazio e un fatto di pura forma, “e in questa opera si realizza la sintesi di architettura e ingegneria”; egli sottolineava come questi interventi debbano interagire con il paesaggio e con i suoi abitanti, “in un rapporto strettissimo tra necessità, dovuta alle esigenze del progresso, e una forma di tutela del patrimonio naturale – e paesaggistico, ndr – che passa attraverso la contaminazione con l’oggetto architettonico studiato per il contesto particolare”. In effetti anche il ponte empolese era ben inserito nel contesto dell’epoca; minimalista, razionale, sottile ed elegante, in confronto al pachiderma appena realizzato, un colosso poderoso nella struttura e negli ingombri, certamente più funzionale, speriamo più duraturo. Certamente meno elegante del ponte di Morandi.

Arno in livello di guardia 13/11/2012 – Foto e filmato.

Arno In Livello Di Guardia 13/11/2012 – Foto E Filmato.

13/11/2012 ore 9.00 Livello dell'Arno cresciuto ma allo stato attuale non può destare preoccupazione.  La rapidità di crescita del livello è dipeso perché ieri sono state aperte le dighe di Levane e La Penna, a monte di Arezzo. Quindi tutto sotto controllo.…

Massimo Cioffi – Guarda l’alba che t’insegna a sorridere

Massimo Cioffi – Guarda L’alba Che T’insegna A Sorridere

Quanti di noi non hai mai ascoltato da piccoli questa fiaba, quanti di noi non hanno avuto paura che arrivasse l’uomo nero, era forse una pressione ansiogena da parte degli adulti per ottenere qualcosa dai piccoli consapevoli che la costrizione genera molta paura. Spesso i bambini imparano a reprimere le proprie paure, imparano a viverle in silenzio per compiacere le figure di riferimento, per non preoccuparli o inquietarli. “Non prendere le caramelle dagli sconosciuti a scuola” un’altra paura che spesso aveva il significato di non farci fidare di nessuno che non fosse un familiare o un amico dei genitori, giusta attenzione dei genitori verso i piccoli che ancora non hanno la forza per conquistarsi un posto nel mondo.Prima di voler padroneggiare la paura è importante dunque riconoscere la sua importanza: se non avessimo mai paura, mancherebbe qualcosa di determinante nella nostra vita e, come afferma Paola Binetti, neuropsichiatra infantile che si occupa da molti anni di psicologia evolutiva: “Un bambino senza paure è un bambino che ha soffocato il proprio senso dell’avventura”.
Il mondo infantile è animato da mille paure, i bambini possono vivere paure reali e timori irrazionali.
Le paure reali sono quelle “fuori di noi”, quelle legate a esperienze reali che il bambino vive e sperimenta sulla propria pelle, quelle che hanno un riscontro nella realtà come per esempio l’intensa paura e spavento che può sperimentare un bambino quando cade per terra e si fa male o le paure scatenate da stimoli esterni come per esempio la paura dei rumori forti per i neonati, la paura del temporale, la paura per il fuoco che ci ha bruciato, per il gatto che ci ha graffiato, per l’insetto che ci ha punto.

Non indovinerete mai …. dov’era ?

Non Indovinerete Mai …. Dov’era ?

Non indovinerete mai .... dov'era ? Sotto coi commenti! Si coglie l'occasione per chiedere a tutti gli empolesi (e non) di inviarci le foto di Empoli scattate in famiglia, vanno bene sia foto vecchie, sia anche foto fino a pochi…