skip to Main Content

Il Piano Regolatore di Empoli: levata all’anno 1973

PRG levata anno 1973

PRG levata anno 1973

Rispetto agli elaborati del documento iniziale, ovvero il PRG Adottato con Del. C.C n° 62/1964 in data 05 marzo 1964, non vi sono sostanziali modifiche generali come invece si possono evincere dall’analisi comparativa tra i due PRG 1956 e 1964: si rilevano tuttavia una serie di modifiche, alcune non indifferenti ma localizzate ad alcune porzioni territoriali su cui occorre fare qualche “focus”.
Questa documentazione inserita nell’arco temporale 1964-1973 presenta materiali e argomenti sufficienti per una Tesi di laurea e/o una pubblicazione, ma in questa sede si propone una versione assolutamente minimale e ahimè riduttiva; è da intendersi quindi una semplice analisi introduttiva.

I PRG DI EMPOLI pubblicati nella Sezione URBANISTICA E MAPPE →
↖ Il Piano Regolatore: Variante Del. C.C. n. 381 del 19  settembre 1978
↖ Il Piano Regolatore: Variante Del. C.C. n. 382 del 08 ottobre 1973
↖ Il Piano Regolatore 1964
↖ Il Piano Regolatore 1956
↖ Il Programma di Fabbricazione 1952
↖ Il Piano di Ricostruzione 1947
↖ Il Piano di Risanamento del 26/12/1926
↖ Il Piano di ingradimento, fine Ottocento


di Carlo Pagliai

Occorre contestualizzare l’epoca, urbanisticamente parlando: da pochi anni furono approvati provvedimenti sostanziali quali la Legge Ponte 765/1967, i due D.M. sugli standard urbanistici e distanze legali, la Legge “tappo” n. 1187/1968, la Legge 291/1971 (Accelerazione urbanistica), etc.
Nel frattempo furono costituiti gli Enti Regioni a Statuto ordinario (1970), inoltre le ferite e i danni dell’Alluvione 1966 sui centri abitati e zone agricole pianeggianti avevano lasciato una traccia indelebile, come ancora oggi.

PRG levata anno 1973, loc. S. Maria

PRG levata anno 1973, loc. S. Maria

La base cartografica del PRG levato al 1973 è la medesima del PRG adottato nel 1964, ovvero una cartografia catastale[4] riprodotta unitamente in scala 1:5000, con la sovrapposizione delle curve di livello per le zone collinari; tale base cartografica fu redatta con questa personalizzazione, aspetto che mi fu fatto notare dall’Arch. Silvia Viviani durante un convegno relativo al progettista del PRG 1964, ovvero l’Arch. Romano Viviani.

I FOCUS LOCALIZZATI
Si passa in rassegna alcune delle principali modifiche preannunciate e leggibili dalla comparazione delle due levate, relative ad alcune località.

   Santa Maria:
Il polo scolastico è già previsto con una campitura e contornato di verde pubblico a sud e ad ovest, e addirittura prevedeva già una viabilità ad “anello” collegante Via Bonistallo fino ad incernierarsi su Via Sanzio con una piazzetta ( ? ) all’altezza dell’attuale Via Lazzeri.
GUARDA LA FOTO AEREA DI S. MARIA →

PRG levata anno 1973, loc. Pozzale

PRG levata anno 1973, loc. Pozzale

   Pozzale:
il PRG 1956 il centro abitato di Pozzale, sviluppato attorno all’incrocio di Via Valdorme e di Sottopoggio, ne prevedeva l’espansione urbanistica ponendo ai limiti di essa una viabilità ad “anello” che ricalcavano l’odierna Via delle Lame ad ovest, a nord un “bypass” che avrebbe ridotto il tracciato dell’attuale strada provinciale di Valdorme, ad est era già previsto più o meno l’attuale tracciato della strada provinciale, a sud invece era previsto la prosecuzione della Via di Sottopoggio fino alla suddetta strada provinciale; rispetto a questa previsione, nel PRG 1973 (come già nel 1964) vi è un solo cambiamento, ovvero viene rimossa la previsione di trasformare l’attuale Via delle Lame in strada ordinaria che avrebbe completato la forma anulare del nucleo abitato.
GUARDA LA FOTO AEREA DI S. MARIA →

PRG levata anno 1973, loc. Pontorme e Serravalle

PRG levata anno 1973, loc. Pontorme e Serravalle

   Pontorme, Cortenuova e Serravalle:
in questa elaborazione del 1973, rispetto a quella adottata nel 1964, non vi sono grandi modifiche ma si evidenziano alcuni dettagli comparativi. Il parco di Serravalle ancora non è previsto come tale ma risulta zona agricola, salvo quella striscia sul lato ovest ove oggi insiste la piscina comunale; si nota senz’altro anche quell’intenzione di fare un ulteriore ponte sull’Orme tra lo stadio nuovo e la Statale 67, praticamente antesignano dell’attuale passerella monostrallo esistente più o meno nei pressi di questa previsione.
Rispetto al PRG 1964 si evince una nuova rilevante previsione, ovvero la zona industriale di Pontorme ove hanno avuto inizio importanti attività produttive quali la Sammontana, la Sesa e tante altre. Si evince pure l’introduzione di un’attrezzatura sportiva dentro l’area di Arnovecchio (oggi ANPIL e geotopo di Arnovecchio [5])
GUARDA LA FOTO AEREA DI SERRAVALLE →

PRG levata 1973, loc. Avane

PRG levata 1973, loc. Avane

   Avane:
Rispetto al PRG adottato nel 1964 in quest’area c’è un cambiamento relativo all’azzonamento del nuovo ospedale, modifica già introdotta negli elaborati relativi all’Approvazione (1972) ma di cui si propone un focus in questa sede valevole per entrambe le suddette soglie o levate; nel 1964 la perimetrazione del nuovo ospedale prevedeva due “teste” in categoria E8 il cui zoning in legenda corrisponde a … residenziale (mi riservo di verificare se non fosse stata residenziale legata ai lavoratori sanitari).
Ad ovest è previsto fin dal 1964 il “bypass” nord del nucleo abitato di Avane frontistante all’allora mercato ortofrutticolo fino ad innestarsi, come oggi, allo svincolo col ponte e Viale Europa.
Interessante notare alcune previsioni viarie mai attuate relative alla zona di Via di Ripa e Pier della Francesca: dall’odierna Piazzetta Borromini sarebbe dovuta dipartire una traversa diagonale fino a congiungersi con Via di Ripa.
Si deve pure notare che attorno a Viale Europa si sarebbero innestate direttamente due strade di quartiere Via Bassa e una seconda di nuova previsione (non attuata in quanto allineata interamente alla Via Bassa).
GUARDA LA FOTO AEREA DI AVANE →

PRG Adottato anno 1964, loc. Terrafino

PRG Adottato anno 1964, loc. Terrafino

   Terrafino:
Nel PRG adottato nel 1964 (e non quello Approvato) l’area produttiva di Terrafino avrebbe dovuto essere affiancata ad ovest da un “quartiere operaio” dotato di molte attrezzature (perimetro rosso del PRG 1964), previsione non inserita negli elaborati del PRG levato al 1973.
Tra l’altro invitiamo il lettore a notare un diverso assetto dello svincolo con la futura S.G.C. Fi-Pi-Li detta comunemente “Superstrada”: in origine, nel 1964, lo svincolo era previsto all’altezza dell’attuale cavalcavia sulla ferrovia, previsione poi modificata (fortunatamente) con lo spostamento verso ovest corrispondente in parte all’attuale esecuzione dello svincolo a “trombetta”: occorre infatti notare che il raccordo curviforme a nord della Superstrada è simmetricamente specchiato sull’asse nord/sud.
Termina qui questa brevissima analisi del PRG levato al 1973: il tempo purtroppo è tiranno, per tutti.
GUARDA LA FOTO AEREA DI TERRAFINO →

PRG levata anno 1973, loc. Terrafino

PRG levata anno 1973, loc. Terrafino

← Torna alla sezione URBANISTICA E MAPPE

Note e Riferimenti:
[1] Adottato con Del. C.C n° 62/1964 in data 05 marzo 1964
[2] In cartografia il termine “levata”  indica la data di elaborazione/revisione comprensiva di modifiche intervenute successivamente ad una certa soglia, spesso la prima stesura del documento.
[3] Cfr. legenda e intestazione del documento cartaceo originale, presso A.S.C.E.
[4] I fogli di mappa del N.C.T. erano in scala 1:2000 salvo alcuni allegati in scala 1:1000;
[5] Cfr. Reg. Urb. Comune di Empoli 

Articoli correlati

This Post Has One Comment
  1. pur rilevando alcune “” valutazioni personali”esempio un quartiere operaio nell’aera industriale del teraffino,per fortuna non fatta,la localizzazione dell’ospedale, rimane l’unico piano regolatore che riqualicafa Empoli…a tutt’oggi i piani regolatori..sono appedici a quello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top