skip to Main Content

Stemma famiglia DEL VIVO

La famiglia Del Vivo raggiunse un ruolo importante nella Terra d’Empoli a partire dal XIX secolo.

Non appare negli elenchi dei proprietari di immobili nel castello di Empoli secondo l’Imposizione della Fogna del 1710mentre risultano molte proprietà censite negli Elenchi possessori del Catasto Leopoldino 1820.

↖ CONSULTA IL REPERTORIO DEGLI STEMMI E FAMIGLIE

STEMMA DEL VIVO N°1 – UBICAZIONE: PIAZZA FARINATA DEGLI UBERTI. Foto di Carlo Pagliai

STEMMA DEL VIVO N°2 – UBICAZIONE: Loc. Corniola, Via di Corniola 131. Foto di P. Fanciullacci

Stemma Del Vivo - foto di P. Fanciullacci al Podere Bronciani

 


Descrizione araldica:
Inquartato: nel 1° d’oro, alla croce di rosso caricata di una stella a otto punte d’azzurro; nel 2° d’azzurro, a tre stelle a otto punte d’oro; nel 3° di rosso, a tre sbarre d’argento; nel 4° d’azzurro, al leone d’oro nascente da un cercine d’argento e di rosso, e alla campagna di verde.[1]

N.B: le due immagini proposte, tra loro congruenti per colori e rappresentazioni, risultano leggermente divergenti dalla descrizione araldica, infatti:
nel primo quarto (alto a sinistra) il colore giallo sostituisce l’oro, inoltre la stella è a sei punte invece che a otto, inoltre il corretto colore della stella dovrebbe essere l’azzurro;
nel secondo quarto (alto a destra)  il colore giallo sostituisce l’oro, e le stelle dovrebbero essere ad otto punte invece che a sei;
nel terzo quarto (basso a sinistra) il colore delle bande bianche dovrebbe essere invece d’argento;
nel quarto (basso a destra) il leone è colorato di giallo invece che di oro.

Ubicazione:
Stemma N° 1: Empoli, Palazzo Del Vivo, Piazza Farinata degli Uberti n. 30, androne condominiale;
Stemma N° 2: Empoli, Loc. Corniola, via di Corniola 131.

Tipologia:
Stemma N° 1: affresco policromo eseguito su voltina intonacata.
Stemma N° 2: ceramica policroma

Stato di conservazione:
buoni entrambi;

Note: nessuna.

Note e Riferimenti:
[1] ASFi, Fondo Ceramelli Papiani, Famiglia Del Vivo, fasc. 6713;

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top