skip to Main Content

Le chiese empolesi nelle Rationes Decimarum Tuscia, 1274-1280 – di Carlo Pagliai

Mappa di Carlo Pagliai

Mappa di Carlo Pagliai

In passato gli enti ecclesiastici imponevano ai loro membri il pagamento della Decima, un’imposta straordinaria sulle rendite ecclesiastiche, ovvero una quota di esazione comunemente fissata, i cui proventi defluivano nelle casse papali per le necessità contingenti.

La Decima doveva essere raccolta per sei anni continui, e in questo articolo si prende in esame il sessennato che decorre dal 24 giugno 1274, precisando che la raccolta avveniva in due rate (termini) semestrali ovvero il 25 dicembre e il 24 giugno di ogni anno. [1]
Ai fini della costituzione di un archivio documentale digitale, la trattazione dell’argomento si limita ad estrarne i principali dati relativi agli enti ecclesiastici attivi nel nostro territorio, come la qualità/tipologia dell’ente ecclesiastico («Ecclesia», «Monasterium», «Hospitale», «Plebes», «Canonica») ma anche i Santi titolari delle parrocchie, luoghi e toponomastica di riferimento, e infine i dati “fiscali”, quest’ultimi da considerarsi meramente indiziari per congetturare i relativi pesi tributari e quindi economici. 
Questi dati, una volta inseriti in uno scenario cartografico, sono in grado di fornire un flebile quadro conoscitivo dell’assetto territoriale del XIII secolo e pertanto da utilizzarsi non come punto di arrivo ma punto di partenza (e di collegamento) con le notizie e dati temporali potenzialmente connettibili ad esso.
Si rammenta che nel volume originale non sono state pubblicate le originali trascrizioni dei registri e le minute redatte dai Collettore e/o Sottocollettori (soggetti riscossori), ma più precisamente le liste compilate ufficialmente dai «notari» inviate all’amministrazione pontificia vigente; in particolare trattasi di registri sintetici aventi valore e forma di atto pubblico, quindi tale compendio di dati mantiene comunque una certa autorevolezza dei dati.

La Decima 1274-1280 si può suddividere in due periodi:[2]
– il primo biennio 1274-1276 in cui registrarono gli enti ecclesiastici che pagarono interamente la quota annuale dovuta assegnata e ripartita per i due termini semestrali omettendo però gli enti inadempienti (in tutto o in parte) al pagamento;
– il quadriennio 1276-1280 in cui provvidero a registrare tutti gli enti a prescindere dal pagamento completo, distinguendo coloro che saldavano completamente (inserimento di cifre vistose in colonna accanto alla dicitura « solvit ») e coloro che invece non pagavano l’intero dovuto (annotavano tutta la somma dovuta per ogni anno, più lontano, nel margine e in cifre più piccole).
In merito al territorio empolese si riscontrano nei documenti della Decima 1274-1280 l’esistenza delle diverse chiese parrocchiali e dei rispettivi Pivieri, di alcune canoniche ma non si riscontra l’esistenza di Hospitales.
L’ambito territoriale desumibile dagli elenchi “Decimarum” consente infine di produrre una carta di sintesi geografica.
Le notizie e dati sono stati estratti dalle rispettive pagine della pubblicazione: Rationes Decimarum Italiae nei secoli XIII e XIV, Tuscia, Vol. 1, La decima degli anni 1274-1280, Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano, Guidi Pietro, 1932.
Nota a margine aggiuntiva: l’assenza di alcune chiese nella presente Decima 1274-1280 rispetto a documenti precedenti (1192) e posteriori (1286) lascia spazio ad interpretazioni sulla mancata decimazione, da additare a una probabile scarsità di anime curate oppure poteva trattarsi di semplici oratori; 
CARLO PAGLIAI

← TORNA ALL’ARCHIVIO DOCUMENTALE DSE            CONSULTA LE SCHEDE DELLE CHIESE EMPOLESI 

 Consulta le chiese empolesi nelle RATIONES DECIMARUM TUSCIA, 1295-1304

N.B: le note in corsivo tra le parentesi sono aggiunte dello scrivente; le note tra parentesi sono omologhe a quelle originali nel suddetto testo.

Enti posti nella Diocesi di Firenze [3] censiti nella Decima degli Anni 1276-1277 (1° e 2° termine dell’anno terzo)
(omissis, pivieri e chiese della Diocesi di Firenze)
  (n°)      (Ente e titolazione)                                                             Lib.        Sol.                      (n° contrassegno in mappa)
403.         Plebes S. Andree de Empoli                       solvit        XXX           –                           (1)
404.   Ecclesia S. Laurentii de Empoli Veteri             »                II             IIII                          (2)
405.   Eccl. S. Donnini de Empoli                                 »               IIII             II                           (3)
406.   Eccl. S. Marie de Empoli Veteri                          »                III             X                           (4)
407.   Eccl. S. Marie de Cortenuova                              »               III             VI                           (5)
408.   Eccl. S. Micchaelis de Pontormo                        »               III              –                            (6)
409.   Eccl. S. Christine de Pagna Canina                  »               III              –                            (7)
410.   Eccl. S. Donati de Empoli Veteri                         »              IIII             II                            (8)
411.   Eccl. S. Martini de Vitiana¹                                   »               IIII             II                            (9)
412.   Eccl. S. Angeli de Empoli Veteri                         »               IIII             X                           (10)
413.   Eccl. S. Barth(olome)i de Suvilliana²                 »               IIII            X                            (11)
414.   Eccl. S. Ma(n)masii de Empoli Veteri                »                II           XIIII                          (12)
415.   Eccl. S. Iacobi de Avena                                       »               III             –                             (13)
416.   Eccl. S. Petri (a Riottoli, ndr)                                »               III             IIII                          (14)
417.   Eccl. S. Micchaelis de Lengnana                       »                II              X                           (15)
418.   Eccl. S. Marie de Fabbiano pro I et II paga solvit             VIII             –                            (16)
419.   Eccl. S. Marie de Pagnana                                    »              III           XIIII                          (17)
420.   Eccl. S. Martini de Pontormo                                »               V               –                           (18)
421.   Canonica S. Donati Vallis Boccis                        »             IIII               –                           (19)
(omissis, dal 422 al 427, Piviere di Coeli Aula)
428.         Plebes S. Iohannis de Monterappoli          »                 V              VI                          (20)
429.   Eccl. S. Marie de Ultrorme                                  »                 II               X                           (21)
430.  Canonica S. Mathei de Granaiolo                      »                VI               II                           (22)
431.   Eccl. S. Prosperi de Cameano                         »                IIII              IIII                          (23)
432.  Eccl. S. Martino de Plano                                    »                 III                II                          (24)
(note nel testo originale:)
1 ff. 80, 171c: Vitiano –
2 f. 80: Suvigliana; ff. 109v, 171c: Soviglana

Enti posti nella Diocesi di Lucca[4] (poste nel Piviere di «S. Genesii de Sancto Miniato» – sono omesse quelle esterne al territorio comunale di Empoli)
  (n°)      (Ente e titolazione)       
                               ( solvit )           Lib.          Sol.
4598.  Eccl. S. Bartholomei de Brusciana                  »                   III                 II                          (25)
4601.  Eccl. S. Michaelis de Pianeçore                       »                  IIII            XVII                          (26)
4605.  Canonica S. Stefani de Turrebenni                 »                 VIII              –                              (27)
4621.   Canonica S. Petri de Marcignana                   »               XVIII            XVI                           (28)

Note e Riferimenti:
[1] Rationes Decimarum Italiae nei secoli XIII e XIV, Tuscia, Vol. 1, La decima degli anni 1274-1280, Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano, Guidi Pietro, 1932. pagg. XI-LIV
[2] Ibidem
[3] Op. cit, pagg. 19-20.
[4] Op. cit, pag. 220.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top