Le chiese empolesi nelle Rationes Decimarum Tuscia, 1274-1280

Pubblicità

In passato gli enti ecclesiastici imponevano ai loro membri il pagamento della Decima, un’imposta straordinaria sulle rendite ecclesiastiche, ovvero una quota di esazione comunemente fissata, i cui proventi defluivano nelle casse papali per le necessità contingenti.

La Decima doveva essere raccolta per sei anni continui, e in questo articolo si prende in esame il sessennato che decorre dal 24 giugno 1274, precisando che la raccolta avveniva in due rate (termini) semestrali ovvero il 25 dicembre e il 24 giugno di ogni anno. [1]
Ai fini della costituzione di un archivio documentale digitale, la trattazione dell’argomento si limita ad estrarne i principali dati relativi agli enti ecclesiastici attivi nel nostro territorio, come la qualità/tipologia dell’ente ecclesiastico («Ecclesia», «Monasterium», «Hospitale», «Plebes», «Canonica») ma anche i Santi titolari delle parrocchie, luoghi e toponomastica di riferimento, e infine i dati “fiscali”, quest’ultimi da considerarsi meramente indiziari per congetturare i relativi pesi tributari e quindi economici. 
Questi dati, una volta inseriti in uno scenario cartografico, sono in grado di fornire un flebile quadro conoscitivo dell’assetto territoriale del XIII secolo e pertanto da utilizzarsi non come punto di arrivo ma punto di partenza (e di collegamento) con le notizie e dati temporali potenzialmente connettibili ad esso.
Si rammenta che nel volume originale non sono state pubblicate le originali trascrizioni dei registri e le minute redatte dai Collettore e/o Sottocollettori (soggetti riscossori), ma più precisamente le liste compilate ufficialmente dai «notari» inviate all’amministrazione pontificia vigente; in particolare trattasi di registri sintetici aventi valore e forma di atto pubblico, quindi tale compendio di dati mantiene comunque una certa autorevolezza dei dati.

Pubblicità

La Decima 1274-1280 si può suddividere in due periodi:[2]
– il primo biennio 1274-1276 in cui registrarono gli enti ecclesiastici che pagarono interamente la quota annuale dovuta assegnata e ripartita per i due termini semestrali omettendo però gli enti inadempienti (in tutto o in parte) al pagamento;
– il quadriennio 1276-1280 in cui provvidero a registrare tutti gli enti a prescindere dal pagamento completo, distinguendo coloro che saldavano completamente (inserimento di cifre vistose in colonna accanto alla dicitura « solvit ») e coloro che invece non pagavano l’intero dovuto (annotavano tutta la somma dovuta per ogni anno, più lontano, nel margine e in cifre più piccole).
In merito al territorio empolese si riscontrano nei documenti della Decima 1274-1280 l’esistenza delle diverse chiese parrocchiali e dei rispettivi Pivieri, di alcune canoniche ma non si riscontra l’esistenza di Hospitales.
L’ambito territoriale desumibile dagli elenchi “Decimarum” consente infine di produrre una carta di sintesi geografica.
Le notizie e dati sono stati estratti dalle rispettive pagine della pubblicazione: Rationes Decimarum Italiae nei secoli XIII e XIV, Tuscia, Vol. 1, La decima degli anni 1274-1280, Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano, Guidi Pietro, 1932.
Nota a margine aggiuntiva: l’assenza di alcune chiese nella presente Decima 1274-1280 rispetto a documenti precedenti (1192) e posteriori (1286) lascia spazio ad interpretazioni sulla mancata decimazione, da additare a una probabile scarsità di anime curate oppure poteva trattarsi di semplici oratori; 

← TORNA ALL’ARCHIVIO DOCUMENTALE DSE            CONSULTA LE SCHEDE DELLE CHIESE EMPOLESI 

 Consulta le chiese empolesi nelle RATIONES DECIMARUM TUSCIA, 1295-1304

N.B: le note in corsivo tra le parentesi sono aggiunte dello scrivente; le note tra parentesi sono omologhe a quelle originali nel suddetto testo.

Pubblicità

Enti posti nella Diocesi di Firenze [3] censiti nella Decima degli Anni 1276-1277 (1° e 2° termine dell’anno terzo)
(omissis, pivieri e chiese della Diocesi di Firenze)
  (n°)      (Ente e titolazione)                                                             Lib.        Sol.                      (n° contrassegno in mappa)
403.         Plebes S. Andree de Empoli                       solvit        XXX           –                           (1)
404.   Ecclesia S. Laurentii de Empoli Veteri             »                II             IIII                          (2)
405.   Eccl. S. Donnini de Empoli                                 »               IIII             II                           (3)
406.   Eccl. S. Marie de Empoli Veteri                          »                III             X                           (4)
407.   Eccl. S. Marie de Cortenuova                              »               III             VI                           (5)
408.   Eccl. S. Micchaelis de Pontormo                        »               III              –                            (6)
409.   Eccl. S. Christine de Pagna Canina                  »               III              –                            (7)
410.   Eccl. S. Donati de Empoli Veteri                         »              IIII             II                            (8)
411.   Eccl. S. Martini de Vitiana¹                                   »               IIII             II                            (9)
412.   Eccl. S. Angeli de Empoli Veteri                         »               IIII             X                           (10)
413.   Eccl. S. Barth(olome)i de Suvilliana²                 »               IIII            X                            (11)
414.   Eccl. S. Ma(n)masii de Empoli Veteri                »                II           XIIII                          (12)
415.   Eccl. S. Iacobi de Avena                                       »               III             –                             (13)
416.   Eccl. S. Petri (a Riottoli, ndr)                                »               III             IIII                          (14)
417.   Eccl. S. Micchaelis de Lengnana                       »                II              X                           (15)
418.   Eccl. S. Marie de Fabbiano pro I et II paga solvit             VIII             –                            (16)
419.   Eccl. S. Marie de Pagnana                                    »              III           XIIII                          (17)
420.   Eccl. S. Martini de Pontormo                                »               V               –                           (18)
421.   Canonica S. Donati Vallis Boccis                        »             IIII               –                           (19)
(omissis, dal 422 al 427, Piviere di Coeli Aula)
428.         Plebes S. Iohannis de Monterappoli          »                 V              VI                          (20)
429.   Eccl. S. Marie de Ultrorme                                  »                 II               X                           (21)
430.  Canonica S. Mathei de Granaiolo                      »                VI               II                           (22)
431.   Eccl. S. Prosperi de Cameano                         »                IIII              IIII                          (23)
432.  Eccl. S. Martino de Plano                                    »                 III                II                          (24)
(note nel testo originale:)
1 ff. 80, 171c: Vitiano –
2 f. 80: Suvigliana; ff. 109v, 171c: Soviglana

Enti posti nella Diocesi di Lucca[4](poste nel Piviere di «S. Genesii de Sancto Miniato» – sono omesse quelle esterne al territorio comunale di Empoli)
  (n°)      (Ente e titolazione)       
                               ( solvit )           Lib.          Sol.
4598.  Eccl. S. Bartholomei de Brusciana                  »                   III                 II                          (25)
4601.  Eccl. S. Michaelis de Pianeçore                       »                  IIII            XVII                          (26)
4605.  Canonica S. Stefani de Turrebenni                 »                 VIII              –                              (27)
4621.   Canonica S. Petri de Marcignana                   »               XVIII            XVI                           (28)

dNote e Riferimenti:
[1] Rationes Decimarum Italiae nei secoli XIII e XIV, Tuscia, Vol. 1, La decima degli anni 1274-1280, Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano, Guidi Pietro, 1932. pagg. XI-LIV
[2] Ibidem
[3] Op. cit, pagg. 19-20.
[4] Op. cit, pag. 220.

Pubblicità

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento