skip to Main Content

Empoli, Piazza del Popolo…quella vera!

Conosciuta ad Empoli come Piazza del Popolo ai giorni nostri, in pochi sapranno che nel periodo successivo all’8 Settembre 1943 e anteriore alla Liberazione si fosse chiamata Piazza della Repubblica (fascista, ndr) e prima ancora Piazza del Littorio, quest’ultima ricavata tramite la demolizione dell’intero quartiere giudaico, ovvero un nugolo di case poste come un vero isolato all’interno della piazza.

La demolizione del quartiere era motivata da esigenze di miglioramento igienico del quartiere, diventando la seconda piazza dentro l’ultima cerchia delle antiche mura; vi fu pure il secondo vantaggio di conferire lustro e decoro alla facciata dell’ex Teatro Salvini, oggi Cinema La Perla.

In questa cartolina, viaggiata nel 1951 (pgc G. Guerri) si può ammirarne ancora la consistenza di piazza, libera da auto e spartitraffico; si ha da subito la sensazione di un maggior respiro, la sensazione di una vera piazza come luogo identitario di incontro. Abbiamo pure pubblicato una foto della stessa piazza in occasione per la festa del 1° maggio 1953.

piazza popolo 1951

Rammento bene che fino ai primi anni Ottanta la piazza non aveva quegli inutili spartitraffico, costruiti apposta come basamenti per i parchimetri a colonna, sostituiti pochissimi anni dopo dai parcometri attuali.

Ricordo pure che nell’anno 1983 o 1984 assieme al Corpus Domini e alla festa del consueto Volo del Ciuco fu organizzato in questa piazza un’edizione del Calcio Storico proprio come quello fiorentino, con tribune e spalti in piena regola; da bambino che ero mi rimase impresso vedere quella piazza coperta da un tappeto di terra gialla.

Tornando alla foto, non sfuggirà al lettore l’assenza di sbarre alle finestre del piano terra come invece ci sono oggi, inoltre risulta assente l’asta parafulmine posta sul tetto; vi sono sulla sinistra addirittura due file rastrelliere per biciclette, sulla destra tre auto di cui una Fiat 1100 E. Sulla destra sembra di scorgere una lambretta, appoggiata da sola sul cavalletto pronta all’uso.

Guardate la pavimentazione nella foto del 1951: è quella originale in piastrelle rettangolari di asfalto posate  nei primi Anni Trenta sui ci marciavano i balilla e alcune delle quali sono ancora visibili solamente lungo gli scoli e compluvi delle acque piovane.

L’illuminazione pubblica della piazza è affidata ad una sola plafoniera “portalampada”, sostenuta da un singolo tirante, cosi parmi di vedere nella foto.

Questa immagine dovrebbe (o potrebbe ?) aiutare a ripensarne la consistenza, riportandola da “Parcheggio del Popolo” a Piazza del Popolo.

Articolo già pubblicato ieri sul sito www.ediempo.li

Empoli - Piazza del Popoli 01-08-2013  1 4

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top