skip to Main Content

Proposta di riqualificazione di Piazza della Vittoria – di Carlo Pagliai

di Carlo Pagliai

Si ripubblica un mio precedente concept di riqualificazione urbana relativo a Piazza della Vittoria ideato nell’anno 2010, già apparso nel 2011 sulla omonima pagina facebook “Della Storia d’Empoli”.
La chiave di lettura portante è la “tagliata” della piazza mediante prolungamento di via Tinto da Battifolle fino a congiungere Via Roma; attualmente la piazza è isolata al centro da un periplo di strade densamente trafficate, in cui prevale il senso di scorrimento nord-sud e disposto parallelamente al lato minore della piazza quadrangolare.

progetto piazza della vittoria Carlo Pagliai

Il concept preliminare propone al contempo:

  • un concreto ampliamento del Centro Storico che si estende come un cassetto scorrevole fino a lambire il nuovo segmento stradale di attraversamento; ciò diverrebbe un nuovo spazio ciclopedonale in cui si rafforzano le funzioni “slow“, tipiche dei centri storici.
    Tale spazio diviene un luogo notevole di aggregazione umana, allontanando gli effetti disturbatori derivanti dal traffico veicolare e accogliendo un verde urbano esteso e non frastragliato in aiuole;
  • il recupero di elementi dimenticati della storia urbana di Empoli, primo tra tutti il tracciato fondale dell’ultima Cerchia muraria rinascimentale, anch’essa disposta in direzione nord-sud e passanti a circa 10-12 metri dal fronte urbano ovest della piazza; se i lavori di scavo stradale effettuati nel 1998/99 non sono stati altamente invasivi, potrebbero essere recuperate anche le fondazioni della Porta Fiorentina e del suo ponticello sopra il fossato;
  • la rimodulazione riduttiva dell’isola centrale ad est, configurandosi anch’essa come uno spazio di esteso verde pubblico, con sagoma quadrangolare mantenendo ferma l’attuale posizione del monumento alla vittoria;
  • riduzione impermeabilità/cementificazione del suolo, attualmente elevata, allo scopo di ridurre anche l’effetto “isola di calore” estiva assai dannosa per uno spazio vitale e connettivo;
  • flessibilità progettuale in fase definitiva per quanto attiene i parcheggi: gli attuali stalli non saranno azzerati bensì rimodulati nella zona est dell’attuale piazza (è un concept preliminare!)
  • un’attenta progettazione del verde urbano restituirà il ruolo di protagonista alla quinta prospettica degli edifici che circondano la piazza;

MURA PORTA FIORENTINA 1999

Il rinvenimento delle Mura d’Empoli nel 1999 – Foto di C. Bonistalli

Ad onor del vero, l’idea della “tagliata” fu già proposta con l’adozione del Piano di Ricostruzione 1947, il primo strumento urbanistico postbellico della città; in quella versione l’idea della tagliata era accompagnata dalla costruzione di due edifici pubblici gemelli uniti tramite una loggia, disposti praticamente sullo slargo progettuale illustrato sopra.

Piano di ricostruzione 1947 piazza della vittoria tagliata

La soluzione di riqualificazione “tagliata” proposta nel PdR 1947

Consideriamo la seguente idea uno spunto di partenza su cui iniziare un possibile percorso di riqualificazione urbana.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top