skip to Main Content

Piazza della Stazione e Via Roma

Piazza Della Stazione E Via Roma

Veduta d'epoca di Piazza della Stazione, scattata in direzione via Roma. Il palazzo in primo piano sulla sinistra è stato poi modernamente ristrutturato: se aguzzate la vista noterete l'odierna lapide commemorativa della donazione al Comune dei terreni per la piazza e…

La prima stazione di Empoli… rarissime

La Prima Stazione Di Empoli… Rarissime

Due vedute rarissime della prima stazione ferroviaria di Empoli. A primo impatto sono difficili da riconoscere, ma poi osservando meglio quella panoramica in B/N si capisce il contesto dell'attuale Piazza Don Minzoni. Se può essere convincente, la disposizione urbanistica è…

26 Dicembre 1943 ore 13.10: Il luccichio delle bombe – di Leandro Piantini

26 Dicembre 1943 Ore 13.10: Il Luccichio Delle Bombe – Di Leandro Piantini

Il 26 dicembre del 1943 avevo sei anni, facevo la prima elementare. Avrei potuto già essere in seconda avendo cominciato la prima dagli Scolopi a cinque anni nel 1942 (pensate un po’!, nel 1942…)   ma ero troppo piccolo e dovetti ripetere.

Di quel 1943 conservo pochi ma importanti ricordi.  Dal fondo di viale IV novembre dove abitava la mia famiglia –ma nessuno chiamava la strada  così, si diceva Le Cascine e basta- ogni tanto arrivava qualcuno correndo e gridava a squarciagola “Armistizio armistizio!!!”, ma erano falsi allarmi, finché arrivò quello vero dell’8 settembre. Una volta vidi entrare in casa nostra un soldato tedesco. Che vorrà mai?  Entrato in cucina indicò col dito una pentola,  gli serviva per cucinare. E ricordo il sapore aspro e sgradevole del pane tedesco, di segale, che i soldati accampati nel praticello davanti casa ci facevano assaggiare. Altri ricordi sono quelli di Uranio e Urania, due fratelli, forse gemelli, figli di un pezzo grosso della Milizia, di cui indossava sempre la divisa. Erano coetanei miei e di mia sorella Anna, e con essi giocavo, specialmente “ai dottori”, davanti casa. Urania doveva essere una bambina molto intraprendente, e si capisce, con un nome così…

distribuzioni belliche, loc. imprecisata. Immagine dal Fondo Caponi

Il 26 dicembre era la festa di Santo Stefano, il giorno dopo Natale. Era una giornata serena, soleggiata, all’una eravamo a tavola al pianterreno, a casa nostra,  una villetta di un piano. C’erano mia madre, le mie sorelle Anna e Carla, i nonni materni, lo zio Bruno che aveva 17 anni, mentre lo zio Mario doveva essere dalla fidanzata a San Miniato.  Ricordo che a un certo punto tutti i bicchieri della vetrina, nella cucina dove eravamo a pranzo, andarono in frantumi. (Sto scrivendo solo quello che veramente ricordo) . Non ricordo gli scoppi delle bombe, devo aver rimosso tutto, ma sicuramente furono terribili. Pensate che i B 26 americani che fecero il

Back To Top