skip to Main Content

Statuto comunale di Empoli (1415-1416) Rubrica I.

← TORNA ALL’INDICE DELLO STATUTO DI S. ANDREA (1415 – 1416)

Che il populo di sancto Andrea da Empoli si riformi delli uffici infrascripti. Rubrica I.
In prima, conciosiacosache i facti del detto populo di sancto Andrea che spesso occorrono nel decto populo sia di mestiero farli et gravissima cosa sia l’università del decto populo per ciaschedune cose del decto populo come occorrono continuamente fare raunare, i decti statutarii et riformatori maturamente providono, deliberorono, statuirono et ordinarono che da quinci innanzi il decto populo di sancto Andrea si riformi et riformare si debba di tutti et ciascheduni offici infrascripti acciò che i facti del decto populo sollicitamente et prestamente si possino fare et mandare ad executione. In ne’ quali uffici infrascripti s’imborsino et imborsare si debbino solo quegli et di quegli huomini che sono consueti et usati essere nel decto et per lo decto populo, o egli o suo consono, per linea masculina, Consolo o Capitano di Parte Guelfa o del Consiglio et non altrimente. Et quelli che così imborsati saranno et tracti alli infrascripti uffici o ad alcuno d’essi, s’intenda essere et sia capace di tale ufficio al quale tracto fosse o sarà. I quali uffici et ufficiali abino et avere debino quella balìa, auctorità et potestà che in nelli infrascripti statuti et capitoli saranno pienamente et apertamente dichiarati. Et gl’uffici i quali si debono fare et imborsare nel decto et per lo detto populo sono questi, cioè:

Officio de’ Consoli
Officio de’ Capitani di Parte Guelfa
Officio de’ Consiglieri
Officio de’ Maestri della Gabella
Officio de’ Camarlinghi generali
Officio delli Operai
Officio de’ Castaldi
Officio de’ Viali
Officio de’ Cinquantonieri

I quali uffici s’imborsino et imborsati si mettino nella capsa delli uffici usata. La quale capsa si debba tenere appresso al priore de’ frati di sancto Agustino d’Empoli. La quale capsa si debba chiudere et serrare con tre chiavi delle quali chiavi l’una debba tenere il detto priore de’ frati di sancto Agustino et l’altre due chiavi debbino tenere i Consoli del decto populo. Ciò è l’una i Consoli della parte di sancto Andrea et l’altra i Consoli della parte di sancto Giovanni come sempre fu et è usato. Le tracte de’ quali uffici si faccino et fare si debino nel modo forma et ordine infrascripti.

← TORNA ALL’INDICE DELLO STATUTO DI S. ANDREA (1415 – 1416)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top