skip to Main Content

Incisione Florent Fidèle Constant Bourgeois du Castelet del 1826

Sulla nostra pagina Facebook Roberto Taviani pubblica l’incisione di una veduta del tratto delle mura meridionali del castello di Empoli, opera di Florent Fidèle Constant Bourgeois du Castelet del 1826, e pubblicata anche sul Segno di Empoli dell’ottobre 1989.

bastione segno bastione segno 2 xilo-e-foto Incisione-Empoli-Biblioteca-2-1024x698

Per chiarezza, dovrebbe trattarsi del bastione semicircolare che ancora oggi è visibile dal vicolo accanto all’agenzia ippica, vicina alla Misericordia di Empoli in Via Cavour.

Sulla ns pagina facebook si è subito attivato un interessante dibattito circa la veduta e l’individuazione degli elementi rappresentati.
In prima battuta ho azzardato due ipotesi:
1) Se fosse l bastione tondo sito a sud-est, è quello che si vede dal vicoletto accanto all’agenzia ippica. Dico questo perché sulla destra si vede lo “stanzone delle commedie” poi diventato Teatro Gelosi Impazienti e poi ancora teatro Salvini, il profilo e lo skyline mi sembra sia quello. Tuttavia se cosi fosse, non mi torna il campanile di S. Agostino che dovrebbe rimanermi sulla sinstra da questa prospettiva.
2) se fosse il bastione tondo sud-ovest, dietro vi sarebbe il convento delle monache “vecchie” o delle Benedettine. Se cosi fosse, non mi torna lo stesso il campanile, sembra posizionato in maniera anti prospettica rispetto al punto di disegno.

Un nostro lettore, scrive un commento meritevole di vagliatura, ovvero ipotizza che possano aver invertito (dx verso sx) l’immagine durante la stampa delle xilografia…..in questo modo tornerebbe prospetticamente con il bastione dietro l’agenzia ippica.

Quindi ho seguito il suo suggerimento e “specchiato” l’immagine. Tuttavia visionando altre due incisioni eseguite sullo stesso tratto si conclude che la stampa dell’incisione sia corretta perché tra la versione originale e le altre due incisioni sulla destra ( di altre epoche) si riscontrano molti elementi in molte posizioni corrispondenti.

Fonte: Pagina Della Storia d’Empoli su Facebook

Lascia un commento

Back To Top