skip to Main Content

Il Bargello: La Sindrome Empolese

Quando, nel 1953, andai alla visita di leva militare della mia classe, ebbi modo di rilevare che diversi coetanei, per evitare l’arruolamento, non potendo allegare difetti fisici per il loro evidentissimo stato di salute, simulavano astutamente disturbi mentali e facevano le viste di essere idioti.

Simulavano così bene, ma così bene, che i commissari quasi sempre ci cascavano. Un bruscianese si mise addirittura a giocare al calcio, nel cortile della caserma, utilizzando un pietrone a piedi nudi invece di una palla.  Ovviamente quel desso fu scartato all’istante.

C’era un ufficiale medico, però, che non sembrava tanto convinto e mandò a chiamare il dottor Michele Mancini, primario chirurgo all’ospedale di Empoli, per una consulenza sul tamburo in considerazione delle sue esperienze di medico militare in terra d’Africa.

Il dottor Mancini, che conosceva i suoi polli, fu lapidario e squadernò un suo celebre studio, nel quale sosteneva che gli empolesi si credono talmente furbi da poter simulare follia per non pagar gabella, ma tale pretesa è fallace. A quei livelli la bischeraggine non può essere simulata, ma è reale. Credono di essere dei ganzi, ma in effetti sono dei veri cretini.

Fu così che, nei manuali di medicina militare, fu per la prima volta teorizzata la cosiddetta “syndrome emporiensis” o “sindrome empolese”, per cui chi fa da ciucco è ciucco sul serio.

Quanti ne conosciamo oggi di questi furbèga? Che poi sarebbero i “furbi una sega”.

 

IL BARGELLO

abile e arruolato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top