skip to Main Content

Il territorio comunale di Empoli nel Catasto leopoldino 1820 – di Carlo Pagliai

↖ Torna al repertorio di URBANISTICA E MAPPE

La semplice visione di questa cartografia trasmette subito al lettore l’alta densità di informazioni leggibili, ma trattasi di un illusione fugace: la vera densità di informazione emerge dall’interpretabilità dei dati e delle geometrie materializzate.
Non si è provveduto solo a digitalizzare le sole tavole e Sezioni relative alla Comunità di Empoli, si è ritenuto opportuno inserire anche tutte le sezioni catastali a nord dell’Arno e completare la Piana di Empoli fino all’Ambrogiana.

Catasto 1820: Castello di Empoli

Catasto 1820: Castello di Empoli

Sulla procedura di redazione della cartografia si rimanda a quanto già espresso nel post relativo al CASTELLO DI EMPOLI NEL CATASTO LEOPOLDINO 1820  →

La visione di insieme del tessuto rurale, della fittissima maglia particellare e gli ampi spazi golenali attorni ai rii lasciano pensare ad un territorio curatissimo, oggi diremmo coltivato in maniera intensiva ma con cura quasi puntuale e maniacale.
Ciò accadeva in quanto vi era necessità sociale di massimizzare il rendimento della produzione lorda agricola dal suolo in quanto la terra era l’unica fonte di sostentamento produttivo dell’epoca, lungi ancora dai primi fenomeni industrializzazione dell’area.
Il territorio in questa mappa apparirà quasi vergine rispetto alle grandi trasformazioni che avranno luogo nel giro di pochi decenni, in primis la costruzione della strada ferrata e del primo ponte con contestuale parziale interramento dell’Arno.

Sarebbe interessante provvedere alla digitalizzazione delle Tavole indicative relative a tutto il territorio, anche per fare analisi e produzioni cartografiche relative all’uso del suolo vigente. Con tale inserimento sarebbe possibile, per esempio, creare una foto aerea virtuale dell’1820, ma anche fare stime sulla produzione lorda agricola, ma anche stime sugli aspetti idrogeologici e di corrivazione idraulica.
Questa cartografia, per certi versi densa e complessa, è a sua volta una base di partenza per molti studi storici, come la trama della Centuriazione romana e il collegamento con le mappe del XVI secolo redatte dai Capitani di Parte Guelfa, di cui daremo notizia a breve.

QUADRO DI UNIONE DEL CATASTO LEOPOLDINO 1820 – EMPOLI:  DOWNLOAD ↓
quadro di unione

QUADRANTE NORD : DOWNLOAD ↓Empoli Nord
QUADRANTE  SUD: DOWNLOAD ↓
Empoli sud

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top