Porta Pisana ravvicinata e ortoraddrizzata

Porta Pisana
Porta Pisana

Si fa un gran parlare di ricostruire la Porta Pisana, argomento puntualissimo come un oscillatore al quarzo. Ne abbiamo parlato più volte senza però affrontare l’argomento con opportuni metodi e nelle sedi appropriate.
Torniamo però ad ammirarla come era e dov’era, con questa foto scattata vicino e inviataci dal ns lettore M. Matteoni che ringraziamo per la condivisione.
Si possono notare diversi particolari e avviare alcuni aneddoti.
Ad esempio, il signore con la paglietta in capo sulla sinistra (sembra tenere in mano un cellulare), i ragazzini che giocano salendo sulla parete a “scarpa” per poi sedersi sulla modanatura in pietra per poi scenderne come da un’avventurosa parete rocciosa di montagna; un gioco da poveri, ma a quanto pare abbastanza usuale.
Di fronte alla porta ci sono ragazzi e bambini di diverse età, sembra di scorgere qualche adulto sulla destra.
Una nota importante da sottolineare riguarda lo stemma, in cui nella foto originale inviataci permette una ottima lettura dello stemma mediceo su cui occorre tornarvi sopra per dettagliare, proponendone un buon ingradimento.
Si propone anche di seguito l’immagine “ortoraddrizzata” del piano di prospetto della Porta Pisana, prodotta da F. Fiumalbi che ringraziamo per la cortesia.

Particolare stemma
Particolare stemma
Porta Pisana: prospetto raddrizzato
Porta Pisana: prospetto raddrizzato

Questo articolo ha un commento

  1. Intanto bisognerebbe chiedere al Comune la pubblicazione delle due ipotesi che sembra abbia fatto l’arch. Rota. Credo sia stato un incarico retribuito e quindi è giusto che sia reso visibile alla cittadinanza.
    In quanto allo stemma riguardandolo, sembra sia l’anello col diamante (simbolo mediceo) a cui stanno a lato due punti. Al centro poi c’era uno scudo con fastigi e al centro le “palle”.
    Che ne dite?

Lascia un commento