skip to Main Content

San Pantaleone a Vinci – Mart 28 Ottobre 2014 ore 18.30 presentazione del libro

Martedì 28 ottobre 2014 alle ore 18.30, a San Miniato presso il Palazzo Vescovile, si terrà la presentazione del libro “San Pantaleone a Vinci: storie di archivio per una secolare chiesa samminiatese”.
Si tratta del primo volume della raccoltaHistoria Ecclesiae Miniatensis edita dalla Diocesi di San Miniato con il fondamentale contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato e la collaborazione della Parrocchia di San Pantaleo, del Comitato San Pantaleo e della Pratikagroup.
San Pantaleone a Vinci Historia Ecclesiae Miniatensis 1-2014
Un testo che vuole collocarsi come riferimento fondamentale per chi vorrà cimentarsi con la storia del luogo, ormai conosciuto come il “paesaggio materno di Leonardo da Vinci”. La pubblicazione rappresenta il punto di arrivo di una serie di ricerche durate oltre cinque anni e, nello stesso tempo, di partenza per quanto riguarda l’approfondimento della biografia leonardiana.
Molte le suggestioni e i ricordi. La pubblicazione è edita dalla Diocesi di San Miniato. Si tratta probabilmente dell’ultima pubblicazione del vescovo Tardelli, da poco assegnato alla vicina Diocesi di Pistoia, con la quale tuttavia inizia una nuova collana di testi dedicata alla storia della Chiesa samminiatese. La Chiesa di San Pantaleone si trova a meno di cento metri dalla storica Croce di Fralupaia che segna il confine tra la Diocesi di Pistoia e quella di San Miniato, prima ancora di Lucca. Sotto il Vescovo Tardelli, questo piccolo lembo della Diocesi, San Pantaleo, veniva riscoperto e valorizzato. In casi eccezionali, l’antica chiesa veniva riaperta al pubblico e agli studiosi. Il primo a ritornare a San Pantaleo è stato il prof. Carlo Pedretti, uno dei massimi studiosi dell’opera di Leonardo, con una magistrale lezione su “Omo Sanza lettere”. Era esattamente il 9 settembre 2007. L’evento “San Pantaleo e Caterina” curato dal locale Comitato e dal Museo Ideale Leonardo da Vinci, con Agnese Sabato e Alessandro Vezzosi, con il patrocinio del Comune di Vinci e il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato, è già entrato nella storia di Vinci per essere riuscito a coniugare uno straordinario successo di pubblico ad un evento di altissimo livello culturale. Anche il Vescovo di San Miniato, nella persona di Mons. Tardelli, tornava nel 2009 in visita pastorale nella piccola cappella di campagna. Nel 2011, infine, il nuovo convegno dedicato al ritrovato archivio parrocchiale “Leonardo e San Pantaleo” con gli interventi di Graziano Concioni, Alexander Di Bartolo, Adriano Prosperi, Alessandro Vezzosi e Romano Nanni. All’epoca veniva fissato anche il successivo appuntamento ovvero quello dedicato alla pubblicazione degli atti . Sono passati tre anni. Sicuramente più del previsto.
Nel frattempo la Parrocchia di San Pantaleo -Apparita ha curato il restauro della tela cinquecentesca dell’antica chiesa, con il contributo della popolazione e del Comitato Dama di Bacco . Infine la pubblicazione odierna, curata da Alexander Di Bartolo, già coordinatore del convegno del 2011 e degli eventi culturali del “borgo pietroso” di San Pantaleo. Si tratta di un testo molto ricco e documentato, pieno di piccoli e grandi aneddoti, curiosità e riscoperte, che racconta la storia della gente che ha vissuto e abitato questo luogo, indipendentemente che si trattassero o meno di parenti del mito di Leonardo. Manca purtroppo il contributo di Romano Nanni, all’epoca Direttore della Leonardiana, recentemente scomparso, alla cui memoria viene dedicato il volume. Sarà però un altro ex direttore dell’importante biblioteca vinciana, oggi professore di biblioteconomia all’Università di Firenze, il prof. Mauro Guerrini, a presentare il volume, assieme al curatore, al vescovo di San Miniato, ormai uscente, Mons. Fausto Tardelli, il prossimo 28 ottobre 2014, alle ore 18,30 presso la Curia di San Miniato. L’iniziativa è promossa ancora una volta, una sorta di cerchio che si chiude, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato che aveva contributo alla realizzazione del primo grande evento del 2007 a San Pantaleo.
La prossima presentazione sarà sicuramente a Vinci per la soddisfazione della piccola Parrocchia di San Pantaleo Apparita, ma anche delle associazioni che, in questi anni, hanno curato le varie iniziative di promozione e valorizzazione storica e turistica e dell’amministrazione comunale che le ha sostenute. Ora è arrivato anche il momento di passare dalle parole ai fatti: di completare, quindi, il restauro dell’antico borgo e di restituirlo alla gente, all’attenzione degli studiosi e appassionati non solo di Leonardo, ma dell’intero territorio del Montalbano.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top