Presentazione volume su “Gli Statuti di Pontorme del 1346”

Pubblicità

Ieri ven 21 febbraio alle 17.30 si è tenuta in un’affollata chiesa di S. Michele a Pontorme  la presentazione del tanto atteso volume su “Gli Statuti di Pontorme del 1346”.
Ha introdotto la presentazione il Prof. Francesco Salvestrini  dell’Università di Firenze, esponendo il contesto storico medievale dell’allora “comunello” di Pontorme, i rapporti con la città di Firenze e gli aspetti sociali e politici dell’epoca, fornendone un quadro complessimo molto chiaro e avvincente anche per i non addetti ai lavori.

Infatti vi ha partecipato anche molta cittadinanza, soprattutto gli abitanti di Pontorme; presenti l’Ass. Balducci per il Comune di Empoli, e gli autori del testo Marco Frati, Paolo Santini e Vanna Arrighi.
A turno hanno esposto un sunto dei rispettivi contributi presenti nel testo, specifici e dettagliante diversi aspetti sociali, territoriali e politici dell’antico castello di Pontorme.
La Dott. Vanna Arrighi nella sua presentazione ha spiegato le motivazioni che hanno suscitato il riesame di studi (non profondi) svolti in precedenza, soprattutto esponendo le incongruenze dei dati di persone, luoghi e circostanze che non trovavano alcun riscontro nelle fonti archivistiche in luogo della data “posticciata” del 1446 in luogo di quella più esatta ovvero 1346. La postdatazione è stata effettuata su quel che appare essere una copia dello statuto originale, allo scopo di procedere speditivamente ad una revisione dello stesso circa un secolo dopo.
Infatti i tre autori, facendo riscontri specialistici negli specifici settori di competenza, hanno avuto conferma alla loro supposizione di presunta postdatazione, da cui son riusciti a collegare alcuni dati citati nello statuto pontormese del 1346 ad altri dati personali, luoghi ed eventi riportati in altri documenti aventi data certa.

Pubblicità

Il collegio degli autori ma ha consegnato gentilmente un volume che leggerò con alto interesse e su cui non mancherò nel fare approfondimenti e riscontri per ulteriori articoli.
A breve il testo sarà disponibile nelle migliori librerie.

Carlo Pagliai

per conc. di B. Bitossi

per conc. di B. Bitossi

Pubblicità

Lascia un commento