skip to Main Content

L’ospite notturno sgradito di Cerreto Guidi… – di Carlo Pagliai

Lo scorso novembre 2014, due mesi dopo l’evento atmosferico che colpì pesantemente il territorio di Cerreto Guidi, furono abbattuti gli alberi cresciuti nella principale piazza Vittorio Emanuele, ovvero cedri del Libano e alcune palme in quanto danneggiati dall’evento stesso e dichiarati pericolanti.
Questa piazza fu concepita e inquadrata come spazio “vitale” e visivo della soprastante Villa Medicea, configurandosi come il tronco iniziale del cono visivo bidirezionale Villa-Paesaggio e Paesaggio-Villa.

Le foto d’epoca testimoniano la sua apparenza di vuoto urbano, facendola apparire come un mero piazzale simile a uno dei tanti che costellavano i centri minori, come ad esempio l’omonima Piazza Vittorio Emanuele di Empoli oggi conosciuta come Piazza della Vittoria (21 giu 1925).
Buona parte delle principali piazze italiane furono riqualificate in “piazze della vittoria” soprattutto nel 1925: a molte di esse fu introdotto al centro della scena il monumento ai Caduti della prima guerra mondiale e adornate di “verde pubblico”, in genere aiuole e alberi ad alto fusto.

Ieri sera l’amico Francesco Fiumalbi mi ha inviato un paio di foto della piazza in notturna accompagnate da una domanda:

« trova l’intruso! »

Cerreto Guidi 1

La mia prima risposta, viscerale, fu la seguente:

« più che intruso, sembra ci sia un’ospite sgradito »

Se non ancora non lo avete intuito osservando la foto, mi riferisco al monumento ai Caduti tenuto praticamente in penombra in quanto l’illuminazione pubblica non è calibrato per l’attuale stato dei luoghi; purtroppo l’intera piazza necessita di una generale rivisitazione e ripensamento conseguente al taglio arboreo praticato.
Prossimamente proporrò alcune linee guida per una possibile riqualificazione urbana.

                          Carlo Pagliai   – www.studiotecnicopagliai.it

Cerreto Guidi 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top