skip to Main Content

Empoli(m) 1273 nelle relazioni tra Carlo I d’Angiò e la Toscana – di Carlo Pagliai

Il documento era già noto e pubblicato [1] tuttavia merita di essere postato in versione digitale affinché sia utile ad altri studiosi; esso mi è stato segnalato gentile da F. Fiumalbi.
Esso cita il nome di Empoli come «Empolim» in una comunicazione datata 23 febbraio 1273 avvenuta tra il conte palatino in Toscana « Guido Salvaticus » e Carlo I° di Angiò.
Il conte Guido Salvatico, signore e possessore del castello di Empoli e molestato nel suo possesso assieme ai castelli di « Montegarchi, Cerretum, Montemorulum » (rispettivamente Montevarchi, Cerreto Guidi e Montemurlo) chiede aiuto al re angioino Carlo I, il quale risponde e reagisce intimando al Vicario, al Consiglio e al Comune di Firenze di non recare e non far recare più molestia ed evizione al reclamante conte Guido Salvatico.

A margine, si ricorda che pochi mesi dopo l’invio della presente scrittura i Conti Guidi cedettero il 23 agosto 1273 i loro diritti alla città di Firenze.

← Archivio documentale DSE

« Scriptum est Vicario, Consilio et Comuni Flor(entie).
Sua nobis nobilis vir Guido Salvaticus, comes in Tuscia palatinus, dilectus amicus noster, insinuatione monstravit : quod cum ipse Montegarchi, Empolim, Cerretum, Montemorulum ac quasdam alias terras et possessiones, ex quadam compositione inter vos et tam ipsum quam quondam Guidonem Guerram habita, quam nos etiam, postmodum, ipsius Guidonis Salvatici et Guidonis Guerre servitiorum intuitu, acceptandam duximus, et de speciali gratia confirmandam, teneat et possideat; vos ipsum nobilem, contra compositionem huiusmodi inter vos et ipsum habitam nec non confirmationem nostram super premissis obtentam, molestatis indebite et multipliciter pertubatis, in eius grave dispendium et iacturam. Cum igitur moleste feramus quod idem nobilis, quem propter grata et accepta servitia, tam per ipsum quam per predictum Guidonem Guerram studiose nobis impensa, speciali prosequimur benivolentia et favore, in premissis sic indebite molestetur, devotionem vestram attente requirimus et rogamus, vobits nichilominus precipiendo mandantes : quatenus ipsum super bonis et terris huiusmodi, que secundum compositionem predictam et confirmationem nostram tenet et possidet, nec vos molestetis indebite, nec permittatis ab aliis molestati ; itaque iustam de vobit materiam non habeat conquerendi.
Datum Capue, xxiii februarii, prime indictionis.»

Note e Riferimenti:
[1] Documenti delle relazioni tra Carlo I d’Angiò e la Toscana (1265-1285), S. Terlizzi, Olschki, 1950, pag. 278;

Empoli - Torre di Santa Brigida 11-10-2011 4

Empoli – Torre di Santa Brigida 11-10-2011, foto di Carlo Pagliai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top