skip to Main Content

Cinque talenti empolesi all’ouverture degli eventi per i 150 anni dalla nascita di Busoni

Sul palco a cura di Lorenzo Ancillotti il pianista Alessio Cioni, i violinisti Damiano Tognetti e Attila Simon, la violista Caterina Cioli e il violoncellista Lucio Labella Danzi

busoni_ferruccio1

EMPOLI – Pochissimi giorni all’inaugurazione di Busoni 2016, le celebrazioni per il centocinquantesimo anniversario della nascita di Ferruccio Busoni, artista empolese, compositore e musicista sopraffino. Il Comune di Empoli e il ‘Centro Studi Musicali Ferruccio Busoni’, con il patrocinio del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, hanno organizzato oltre un anno di appuntamenti a lui dedicati.

Venerdì 8 gennaio, alle 21, il palcoscenico del Teatro Shalom di Empoli ospiterà il primo concerto che, non a caso, vede suonare una formazione composta da cinque ‘Musicisti Empolesi’.

A cura di Lorenzo Ancillotti, la serata inaugurale, vedrà protagonista un quintetto di artisti locali. Sono il pianista Alessio Cioni, il violinista Damiano Tognetti affiancato dal collega Attila Simon, la violista Caterina Cioli e il violoncellista Lucio Labella Danzi.

A loro il presidente del Centro Studi Musicali Ferruccio Busoni, Luciano Ferri, e il direttore Marco Vincenzi, in collaborazione con l’amministrazione comunale, hanno affidato due pagine giovanili busoniane.

150busoni_inaugurazione_8_gen_2016_musicisti_empolesi

CONCERTO – I brani in programma testimoniano il rigore della formazione di Ferruccio Busoni che dimostra qui di saper assimilare differenti aspetti della letteratura cameristica ottocentesca. In particolare, il primo brano rimanda a certe atmosfere di Grieg, mentre il secondo sembra scritto con la scioltezza e la brillantezza di Mendelssohn. Il Quintetto op. 81 è invece una delle vette della maturità di Dvořák: si tratta della riscrittura integrale del Quintetto op. 5, dopo un tentativo di semplice revisione di cui l’autore non era soddisfatto.

Una sorta di ‘proprietà transitiva’ può collegare Busoni a Dvořák, in quanto entrambi erano amici di Sibelius… In ogni caso,  il Quintetto op. 81 sembra trascinare con sé tutto un mondo, quella Mitteleuropa della Felix Austria (e Boemia), di cui – pochi decenni più tardi – Mahler e Janácek saranno gli ultimi e più  struggenti  cantori.

Con queste alchemie si apre un anno intero nel segno del musicista empolese, compositore di fama internazionale. 

MUSICISTI EMPOLESI

Damiano Tognetti, violinista, diplomatosi a Lucca e perfezionatosi presso la Scuola di Musica di Fiesole, vincitore in diversi Concorsi nazionali (e membro dell’Orchestra Cherubini di Piacenza diretta da Riccardo Muti), collabora regolarmente come prima parte in diverse orchestre; già primo violino dell’Orchestra da Camera di Venezia, ricopre oggi lo stesso ruolo nell’Orchestra da Camera Fiorentina.

Attila Simon, violinista, laureatosi all’Accademia Liszt di Budapest, svolge un’intensa attività concertistica in Europa e negli Stati Uniti; ha lavorato nelle più importanti Orchestre sinfoniche ungheresi come primo violino. La sua versatilità lo ha portato a numerose esperienze, sia col violino che con la chitarra, anche nell’ambito del jazz e della musica da film.

Caterina Cioli, violista, si è diplomata col massimo dei voti al Conservatorio di Firenze, vincendo nello stesso anno il Primo Premio con menzione speciale al Concorso di  Vittorio Veneto e, in seguito, del Concorso riservato ai migliori diplomati del “Cherubini”. Ha fatto parte del Quartetto Fonè e ha collaborato con altri gruppi da camera e con le maggiori orchestre italiane; dal 2007 suona nell’Orchestra della Toscana.

Lucio Labella Danzi, violoncellista, dopo un brillante diploma, si è perfezionato all’Accademia Musicale di Firenze, alla Scuola di Musica di Fiesole e all’Accademia Chigiana di Siena, dove ha ottenuto borsa di studio e diploma di merito. Molto attivo sia in formazioni sinfoniche che cameristiche, è fondatore del Quintetto Five Lines e docente di violoncello al Conservatorio di Firenze.

Alessio Cioni, pianista, diplomatosi a Siena col massimo dei voti, lode e menzione, si è perfezionato all’Accademia di Pinerolo e alla Scuola di Musica di Fiesole, vincendo numerosi Concorsi nazionali, e ponendosi in particolare evidenza in quelli internazionali di Los Angeles, Shangai, Belgrado e al Concorso Busoni di Bolzano, dove ha meritato il Sesto Premio. Svolge una rilevante attività in Italia e all’estero; insegna all’Istituto Musicale Pareggiato di Livorno e all’Associazione SilVer di Empoli, di cui è presidente.

 

Venerdì 8 gennaio, ore 21 – Teatro Shalom Empoli                    

 

MUSICISTI EMPOLESI (I)

A cura di Lorenzo Ancillotti

Damiano Tognetti violino

Attila Simon violino

Caterina Cioli viola

Lucio Labella Danzi violoncello

Alessio Cioni pianoforte

 

busoni_ferruccio2 

BUSONI (1866-1924) – Andante con Variazioni in sol minore e Scherzo in do minore op. 18 per pianoforte, violino e violoncello. Andante con moto. Scherzo (Vivace assai)

BUSONI – Sonatina n. 6 (“super Carmen”) per pianoforte

Allegro deciso – Andantino – Allegretto tranquillo – Tempo della Habanera – Tempestoso – Allegro ritenuto – Andante visionario

BUSONI – Concerto in re minore op. 17 per pianoforte e archi. Allegro Adagio (senza indicazione) – Allegro vivace 

DVOŘÁK (1841-1904) – Quintetto in la maggiore per pianoforte e archi op. 81 Allegro ma non troppo – Dumka (Andante con moto) – Scherzo “Furiant” (Molto vivace) – Finale (Allegro)

 

BIGLIETTI
Biglietti per singoli concerti
Intero € 15,00
Ridotto € 12,00 per under 26 e over 65, Soci Unicoop-Firenze Associazioni, Enti e Gruppi Convenzionati
Musicisti empolesi (I): intero € 10,00, ridotto € 7,00

RIDUZIONI E PROMOZIONI
RIDUZIONI: under 26; over 65; Soci Unicoop-Firenze.
PROMOZIONI: abbonamento 5 concerti a scelta € 10,00* per studenti delle scuole di ogni ordine e grado, Conservatori, Università e Scuole di Musica

BIGLIETTERIA

LIBRERIA RINASCITA
Via Ridolfi, 53 Empoli – Tel. 0571/72746

BONISTALLI MUSICA
Via F.lli Rosselli, 19 Empoli – Tel. 0571/74056

CIRCUITO BOX OFFICE TOSCANA
www.boxofficetoscana.it


Fonte: comunicato stampa

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top